Home / News giuridiche / Marketing Legale / Avvocato e Pubblicazioni: l’importanza del calendario editoriale

Avvocato e Pubblicazioni: l’importanza del calendario editoriale

Esistere e, soprattutto, farsi trovare online è diventato ormai indispensabile per ogni tipo di attività. Gestire un blog, i social network o una newsletter è il modo più efficace per comunicare con i potenziali clienti. Per organizzarli al meglio, però, è necessario far capo a un buon Piano Editoriale. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.
Una buona strategia di marketing online non può assolutamente essere affidata al caso. È importante, perciò, avere chiaro l’obbiettivo che vogliamo raggiungere e organizzare tutti gli strumenti da utilizzare nel migliore dei modi. 

Piano Editoriale: cos’è e a cosa serve
Il piano editoriale non è altro che un documento che raccoglie tutte le informazioni utili per sviluppare una buona strategia di marketing sul web. Su questo verranno scritti per filo e per segno i contenuti che vogliamo postare, che canali social usare, a che utenti vogliamo rivolgerci, che target vogliamo conquistare e qual è il nostro obiettivo finale.
Creare un piano editoriale può sembrare difficile, ma non è per niente impossibile. Basta tenere a mente i seguenti punti:

  • Cosa voglio comunicare: «Voglio far capire a chi mi legge che sono un ottimo avvocato divorzista, sempre aggiornato e a passo coi tempi»;
  • A chi voglio rivolgermi: «Il mio target è gente adulta, uomini e donne della fascia d’età tra i 30-50 anni, che ha deciso di separarsi o divorziare»;
  • In che modo comunico con loro: «Voglio utilizzare un linguaggio cordiale, ma non troppo impersonale. Il mio Tone of Voice sarà educato e relativamente “friendly”»;
  • Dove posso trovare i miei clienti sul web: «I canali che voglio utilizzare sono Facebook, Twitter e LinkedIn.»
  • Quando: «Sarà necessario pianificare l’uscita di ogni singolo articolo del blog, post su Facebook o tweet. Per fare ciò necessito di un calendario editoriale sempre aggiornato.»

Calendario editoriale: in che modo ci può aiutare?
Il calendario editoriale fa parte di tutti quegli strumenti che, uniti, formano il piano editoriale di cui abbiamo parlato sopra. Anche questo non è altro che un documento virtuale (molto spesso realizzato su Excel) che ci aiuta a organizzare al meglio i contenuti che creiamo e la loro pubblicazione sui vari canali web.
È importante dire che i contenuti che scegliamo di postare su Internet (l’articolo per il blog, il post su Facebook o un nostro commento professionale su LinkedIn) devono sempre essere curati e coerenti con chi siamo e con quello che facciamo.

Il cosiddetto web content di Internet ha molta più valenza di quanto si pensi: postare al momento giusto un articolo scritto di fretta, pieno di errori e difficile da capire, porterà meno risultati di un articolo che ben si indicizza ma che, per sbaglio, abbiamo postato quando online c’erano pochi utenti.
Detto ciò, una volta creato l’articolo giusto, andremo a pianificare nel dettaglio quando pubblicarlo sul nostro blog, come pubblicizzarlo su Facebook, come scrivere un tweet che possa catturare l’attenzione delle persone desiderate.

Mese dopo mese il calendario editoriale si arricchirà e vi permetterà di tenere sotto controllo tutti i contenuti che scegliete di mettere online, sarà così più semplice non sbagliare postando due volte lo stesso articolo o twittando per la seconda volta lo stesso tweet.

Ricordate: ogni social è un luogo a sé stante, quindi non bisogna fare di tutta l’erba un fascio. Piuttosto, bisognerà elaborare una scrittura differente per ogni social in cui si andrà a postare l’articolo desiderato. Per intenderci, Facebook essendo il social più “amicale” permette di scrivere post più lunghi rispetto a Twitter in cui, essendo un luogo di informazioni, queste dovranno essere chiare e coincise. Complice anche il limite dei 280 caratteri.

Apparentemente, il calendario editoriale potrà sembrarvi una cosa superflua, un trascrivere delle cose che potete benissimo ricordare a mente. Quando vi troverete a gestire un sito, più social network, mille orari, tanti articoli che col tempo dimenticherete, il calendario editoriale vi salverà dalla confusione e dai pasticci che è possibile commettere quando non si ha tutto scritto per filo e per segno. 

Mattia Sammatrice, AvvocatoFlash

 

Fonti
https://www.emmegimarketing.it
http://meninweb.org/

Circa Staff

Staff

Redazione

Leggi Anche

Calcolo dell’assegno di mantenimento: non basta la ricchezza del padre

Una nuova pronuncia della Corte di Cassazione, con sentenza n. 25134 del 10 ottobre, stabilisce …

Lascia un commento