Home / News giuridiche / Marketing Legale / Facebook: 5 consigli per gli avvocati

Facebook: 5 consigli per gli avvocati

Le statistiche impongono di utilizzare Facebook. La base degli utenti di questo social media è incredibilmente ampia e inoltre offre risultati mirati e diretti che altre piattaforme non possono assicurare. Però trovare clienti e stabilire connessioni su Facebook non sempre risulta in una proposta diretta.

Andate oltre i semplici Likes
Gli avvocati ricevono incarichi sulla base della fiducia che godono. È quindi importante che i potenziali clienti siano stati indirizzati verso un avvocato ritenuto all’altezza, per pratica e preparazione, di vincere la causa. Migliaia di avvocati hanno aperto una loro pagina di Facebook per trasmettere un senso di fiducia e di autorità, ma molti di loro non hanno centrato l’obiettivo.
Molti avvocati nel loro sito indicano il collegamento con i social media e cercano di convincere i possibili clienti a seguirli su Facebook. Questo tipo di impegno può risultare soddisfacente, ma i “Like” non sono così importanti perché l’obiettivo è ottenere il coinvolgimento dei follower.

Ecco alcuni consigli per fare del vostro profilo Facebook uno strumento vivo e utile per il marketing dello studio.

  1. Siete disposti a pagare per il vostro marketing?
    Dovete tenere presente che Facebook desidera fare soldi al di fuori dei contenuti pubblicati da voi. Ciò significa che l’azienda Facebook è più interessata a mostrare gli annunci dei propri clienti che i contenuti generati dagli iscritti. Anche se inserite in Facebook un post importante e interessante, molti dei vostri follower non lo vedranno nella loro newsfeed.
    Se non mi credete controllate le statistiche di qualsiasi post della vostra pagina Facebook. Per molti post, solo un terzo dei vostri amici di Facebook può vedere un particolare post nel loro feed. Tuttavia, se promuovete un post, l’annuncio viene spesso visto sino a tre volte il numero di persone che hanno gradito la vostra pagina. Purtroppo, per ottenere il massimo effetto per i vostri impegni su Facebook, potrebbe essere necessario pagarlo. La promozione di un post non è costosa, ma è una spesa aggiuntiva.
    Dopo aver scritto un post, potrete scegliere di “spingerlo” in modo da aumentare il numero di persone che lo vedranno. A voi la scelta di decidere quanto spendere e la “spinta” andrà indirizzata verso i vostri amici e fans di Facebook.
    Potete anche scegliere di sponsorizzare un aggiornamento, impostare un budget giornaliero o settimanale, un periodo di tempo e indicare il vostro target demografico. Una spinta risulta più utile per trasferire informazioni ai vostri fan, mentre un aggiornamento a pagamento permette di raggiungere nuovi potenziali clienti;
  2. Immagini, immagini e ancora immagini
    Può sembrare ovvio che Facebook è un mezzo visivo, ma gli avvocati, in larga parte, sono persone poco visive. Scoprite chi in studio è bravo con le foto e in grado di illustrare i futuri post.
    Ad esempio, è bene pubblicare post su normative e decisioni importanti nell’ambito delle aree del diritto in cui siete attivi, ma nessuno leggerà un post senza un’immagine che attiri loro attenzione.
    Per questo motivo usare le illustrazioni è una buona strategia. Personalizzate la vostra pagina Facebook con le foto dei collaboratori dello studio, dei loro animali domestici o dei video. Completate il lavoro con didascalie per le vostre immagini. Potete anche condividere citazioni, aforismi e proverbi che possono ispirare la base dei vostri clienti. Le immagini possono essere scelte anche fra quelle catalogate dai siti specializzati, come, ad esempio, www.shutterstock.com;
  3. Anche gli #Hashtag vanno bene per Facebook
    Utilizzate la funzione hashtag di Facebook per ottenere contatti oltre i vostri follower. Utilizzando termini comuni con il simbolo #, come #socialmedia, i messaggi saranno raccolti in altri feed di notizie. Ad esempio, il marchio di cosmesi Sephora utilizza l’hashtag #OneQuickQuestion per fare arrivare il suo messaggio a chi non è ancora un follower;
  4. Invitate gli amici
    Cercate l’icona in alto a destra della vostra pagina Facebook. Questo utile menu a tendina ha molte funzioni avanzate, tra cui la possibilità di inviare contenuti alle pagine di terze persone. A seconda delle impostazioni sulla privacy di altri profili, si potranno impostare i messaggi da pubblicare sulle loro pagine. In questo modo i vostri contenuti raggiungeranno altri e nuovi interlocutori.
    Dovreste anche familiarizzare con il pannello di amministrazione, sempre in alto a destra. Con un click sul pulsante “Crea pubblico”, si visualizza un menu a tendina che consente di scegliere modi diversi per invitare i follower a segnare un like sulla vostra pagina. È un modo semplice per iniziare a costruire il vostro pubblico, con persone alle quali già piacete e sono quindi portate ad aiutarvi;
  5. Postate presto e spesso
    Quello che scrivete e condividete sulla pagina di Facebook avviene in linea, ma è soggetto al codice della pubblicità del vostro ordine. Prima di inviare il messaggio, rileggetelo con attenzione e tenete presente che il vostro pubblico è formato da clienti effettivi e potenziali, non dai vostri colleghi avvocati. Indicate sempre con chiarezza chi siete, anche inserendo una vostra immagine. Se i vostri clienti sono soprattutto aziende, ricordatevi che non sono interessati, in genere, al diritto di famiglia. Non ritardate l’invio, siate tempestivi e battete sul tempo i vostri colleghi.

Per gli aspetti più tecnici, relativi all’impiego di Facebook, vi suggerisco le molte utili guide che si trovano online e poi ci sono i manuali d’uso per avere indicazioni più precise e dettagliate.

Circa Vladimiro Barocco

Vladimiro Barocco
Vladimiro Barocco, CMC (Certified Management Consultant, socio APCO n.ro 1994/2088), partner di Studio Centro Marketing. È anche autore di Marketing per l'avvocato e lo studio legale, ed. Franco Angeli. Può essere contattato a info@vladimirobarocco.it e seguito su twitter. www.vladimirobarocco.it

Leggi Anche

Equo compenso: centrale il ruolo del Giudice

A seguito dell’approvazione della disciplina sull’equo compenso (qui l’emendamento) per tutti i professionisti è emerso …

Lascia un commento