Home / Civile / Foto dei minori: stop alla diffusione senza accordo dei genitori

Foto dei minori: stop alla diffusione senza accordo dei genitori

La diffusione dell’immagine è di per se stessa un pregiudizio per il minore.
Infatti i social rappresentano una piazza virtuale, uno spazio aperto dove è possibile che non solo i minori vengano avvicinati da malintenzionati dopo averli visti in foto, ma anche che da queste foto vengano realizzati fotomontaggi a uso pedopornografico.
L’attenzione al minore giustifica quindi una tutela rafforzata del diritto all’immagine e alla riservatezza dei dati personali.
Se vi è armonia tra genitori, nulla quaestio, ma quando vi è crisi nei rapporti genitoriali, cosa fare?

Sempre più spesso i genitori si accordano – o chiedono da subito in sede di separazione coniugale al Presidente del Tribunale di pronunciarsi in via provvisoria e urgente -, nel senso di vietare, salvo diverso accordo espresso, che vengano postate foto e video dei figli sul web, sui social e sui blog e anche come sfondo dei profili, WhatsApp compreso.
Ciò magari nel solco di una responsabilità educativa che vuole accordi volti a regolamentare il possesso del cellulare, l’uso di smartphone connesso a internet, la visione di film o l’utilizzo di videogiochi violenti o comunque non adatti all’età dei minori.
In sede di separazione peraltro un uso diseducativo dei social può anche essere ragione di addebito, come nel caso del genitore che pubblica foto scattate alla figlia in abiti succinti e pose allusive.
Se l’accordo – o il disposto del Presidente – viene violato o comunque vi è dissenso di uno dei genitori alla pubblicazione della foto del figlio minore, si può ricorrere al giudice e ottenere per inibitoria urgente l’ordine di rimuovere le foto già pubblicate, il divieto di pubblicarne di nuove, la disattivazione del profilo del minore, la deindicizzazione dai motori di ricerca di tutti i contenuti che riguardano il minore, il risarcimento del danno.

Da ultimo una nota. Il 25 maggio 2018 entra in vigore l’art.8 del Regolamento UE 27/4/16 n.679 per il quale se il minore ha meno di 16 anni il trattamento dei dati personali è illecito, salvo e nella misura in cui vi sia il consenso espresso del titolare della responsabilità genitoriale. A nostro sommesso avviso però il consenso alla pubblicazione della foto deve essere espresso da entrambi i genitori anche in caso affidamento esclusivo, trattandosi di decisione di maggiore interesse per i figli.


Via Giotto n.44, Porto San Giorgio (FM)
Tel: 0734 671554

Circa Emanuele Secco

Emanuele Secco

Dottore in Editoria e Giornalismo.
Appassionato di scrittura, editoria (elettronica e digitale), social media, musica, cinema e libri.
Viaggio il più possibile, ma Budapest è sempre nel cuore.

Leggi Anche

Corruzione e politica: quando un parlamentare è imputabile?

Corte di Cassazione: sentenza n. 40347 del 12/09/2018, Sezione VI Penale Materia – Reati contro la …

Lascia un commento