Home / Civile / GDPR: Il Garante della privacy pubblica una prima guida in merito

GDPR: Il Garante della privacy pubblica una prima guida in merito

Pubblicata online una raccolta delle domande e risposte più frequenti in tema GDPR, il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati, da parte del Garante della privacy.

All’interno del testo si va a delineare la figura del Dpo (Data protection officer), ovvero colui che farà da collante tra un’impresa e il Garante della privacy. Un esperto di protezione dati che, come previsto dalla GDPR, comincerà a essere operativo a partire dal 25 maggio. Il suo ruolo principale, per ora, sarà l’accountability, cioè la valutazione e risoluzione di ogni possibile rischio alla privacy legato a particolari operazioni e procedure aziendali tramite la predisposizione di cautele e interventi adeguati. Operazioni che fanno del loro perno progettualità e flessibilità anche in ambito di organizzazione della struttura aziendale, così da scongiurare il più possibile eventuali rischi legati alla perdita dei dati personali che vengono trattati.
Queste sono situazioni a cui un buon Dpo deve sapere tener testa, insieme a una continua valutazione sui processi più efficaci di lavorazione dei dati grazie anche all’ausilio di conoscenze e strumenti sempre aggiornati.
Contrariamente a quanto si possa pensare, non esiste una vera e propria certificazione per un Dpo (come non esistono particolari studi in merito); tuttavia, ciò che appare certo, è che nei prossimi mesi saranno figure molto ambite dalle aziende.

Proprio per cominciare a fugare i primi dubbi in merito, il Garante ha rilasciato un primo breve volume (scaricabile da qui), il quale racchiude le principali domande fatte da attori quali Confcommercio, Confartigianato, Abi, Assaeroporti, Assogestioni, Fca, Enel, Unicredit, Banca Intesa e Rai (solo per citare i principali).
Inoltre, per il 24 maggio, è stato previsto un incontro per tutti i Dpo presso il Palazzo dei congressi di Bologna. L’incontro è dedicato sia al settore pubblico che a quello privato.

 

Fonte: IlSole24Ore

Circa Emanuele Secco

Emanuele Secco

Dottore in Editoria e Giornalismo.
Appassionato di scrittura, editoria (elettronica e digitale), social media, musica, cinema e libri.
Viaggio il più possibile, ma Budapest è sempre nel cuore.

Leggi Anche

Validità della domanda di arricchimento senza causa per l’adempimento contrattuale

Corte di Cassazione: sentenza n. 22404 del 13/09/2018, Sezioni Unite Civili Materia – Processo civile Presidente …

Lascia un commento