Home / Amministrativo / Guida in stato di ebrezza: sanzioni a rischio

Guida in stato di ebrezza: sanzioni a rischio

Le sanzioni per guida in stato di ebrezza sono a rischio. A parte i dubbi sostanziali e formali sull’attendibilità dello strumento, riemerge ora il problema circa le difficoltà del Ministero dei Trasporti ad assolvere alle periodiche verifiche sugli strumenti, obbligatorie per legge. Non solo, è in dubbio anche la regolarità delle apparecchiature appena messe in circolazione a causa della formulazione dell’articolo 379, comma 7 del regolamento di esecuzione del Codice della strada, che stabilisce che il nuovo etilometro, prima di essere utilizzato a fini sanzionatori, debba passare al vaglio della struttura ministeriale competente. Tale struttura è il Csrpad (Centro superiore ricerche e prove autoveicoli e dispositivi) con sede a Roma; il laboratorio etilometrico del centro però non accetta più gli apparecchi da verificare dal dicembre 2016, causa “manutenzione straordinaria”.

Da circa un anno quindi le nuove apparecchiature vengono inviate in una sede periferica del Csrpad, il Cpa (Centro prova autoveicoli) di Milano che, pur esseno espressamente abilitato alle verifiche annuali periodiche, non lo è per le verifiche primitive (come da atto del Dipartimento Trasporti Terrestri del Ministero del 29 aprile 2016 – Prot. n. 172).

Il dipartimento ha rilasciato due giorni fa a Il Sole 24 Ore una dichiarazione con la quale garantiva l’«assoluta uniformità ed equivalenza» delle prove condotte dal Cpa, citando due direttive del 2011 e del 2016.

Su queste documentazioni e dichiarazioni sono ora al lavoro gli avvocati e i consulenti di clienti sanzionati per guida in stato di ebrezza. Le condizioni di emergenza in cui versano i laboratori ministeriali potrebbero essere quindi la causa di annullamento di parecchie sentenze.

 

Fonte: IlSole24Ore

Circa Staff

Staff

Redazione

Leggi Anche

Un posto al sole: la Rai e l’epopea dei diritti d’autore

«La sincronizzazione – ovvero la manipolazione a uso riproduttivo di opere musicali – non deve …

Lascia un commento