Home / Civile / La rilevanza penale della sindrome di Tourette

La rilevanza penale della sindrome di Tourette

La sindrome di Tourette è una condizione neurologica caratterizzata dall’associazione tra tic involontari e disturbi psichiatrici; più precisamente, per usare le parole della Cassazione, essa è «un disturbo che trova la sua causa in un’alterazione funzionale dell’encefalo che si manifesta in un bisogno incoercibile di fare piccoli movimenti, toccare qualcosa o pronunciare parole».
La rilevanza penale di questa malattia è evidenziata nella sentenza n. 39709/2011 della Cassazione, in cui il ricorrente, affetto da tale sindrome, chiede il riconoscimento dell’incapacità di intendere e di volere negategli nei precedenti giudizi.

Può essere capace di discernere il lecito dall’illecito colui che è scosso da impulsi incontrollabili? In linea teorica no, essendo semmai configurabile il risarcimento del danno ex art. 2047 c.c., in capo al sorvegliante.
In realtà la soluzione non è così scontata; nel caso di specie la malattia è acclarata ma il carattere effimero di tale sindrome, caratterizzata da improvvisi e fugaci atti inconsulti, viene volutamente occultato.

Dato che «la condotta dell’imputato era finalizzata a ricercare un approccio con la ragazza, tanto che la medesima era stata seguita per un certo periodo di tempo», è giocoforza ritenere non sussistente il nesso di causalità tra malattia e l’evento dannoso.

Pur non configurandosi un vero e proprio caso di simulazione, come quello di Edward Norton nel film Schegge di paura, il giudice non può che rigettare il ricorso, non essendo configurabile la millantata incapacità di intendere e di volere al momento dell’atto.

Circa Michel Simion

Michel Simion

Dottore in Giurisprudenza, Università degli Studi di Verona. Tesi in diritto costituzionale giapponese, appassionato di letteratura asiatica.

Leggi Anche

Risarcimento di sinistro stradale – Tribunale di Milano, sentenza n. 7407/2018, giudice G. Alcioni

Commento a sentenza: Tribunale di Milano, sentenza n. 7407/2018 del 30/06/2018, giudice Giorgio Alcioni   …

Lascia un commento