Home / Diritto di famiglia / Massima – Modena, 6/2016 del 04.01.2016, Dott. A.G. Tibaldi

Massima – Modena, 6/2016 del 04.01.2016, Dott. A.G. Tibaldi

GIUDIZIO SEPARAZIONE – DOMANDA DIVISIONE COMUNIONE LEGALE – MANCANZA CONNESSIONE FORTE – INAMMISSIBILITA’ (Cod. proc. civ. 40 c.p.c.)

A norma dell’art. 40 c.p.c., continua a essere vietata la proposizione all’interno del giudizio di separazione di domande (come quelle variamente relative alla comunione legale) che non sono connesse col grado di “forza” proprio degli artt. 31, 32, 34, 35 e 36 c.p.c..

Non è, infatti, possibile la riunione con la causa di separazione della domanda di divisione della comunione legale, tenuto conto che la riforma del 2015 non ha riprodotto l’inciso dei lavori preparatori secondo cui “la domanda di divisione della comunione legale tra i coniugi può essere introdotta unitamente alla domanda di separazione o di divorzio”.
La giurisprudenza
Conformi
Trib. Roma Sez. I, 21/01/2015; Cass. civ. Sez. I, 08/09/2014, n. 18870; Trib. Taranto Sez. I, 14/11/2014; Trib. Bologna Sez. I, 07/02/2014 – Sito Giuraemilia.it, 2015; Trib. Genova Sez. IV, 08/04/2014; Trib. Milano, 06/03/2013 – Sito Il caso.it, 2013; Trib. Milano Sez. IX, 22/05/2012.
La dottrina
Foro It., 2015, 7-8, 1, 2464

Circa Sabrina De Santi

Sabrina De Santi

Lo studio legale si occupa, in via esclusiva, della tutela delle persone, della famiglia e dei minori, sia dal punto di vista personale che patrimoniale.

Leggi Anche

Un disegno di legge per i nuovi parametri di calcolo dell’assegno divorzile

Firmato dalla deputata Pd Alessia Morani un disegno di legge per fissare i principi espressi …

Lascia un commento