Home / Rubrica Marketing Legale / Scrivete articoli per aumentare la vostra visibilità di avvocato

Scrivete articoli per aumentare la vostra visibilità di avvocato

Sapere scrivere articoli rappresenta una competenza di base trasversale per i liberi professionisti, compresi gli avvocati. Per scrivere un buon articolo ci si deve concentrare sulla generazione di idee forti per la sua elaborazione, mentre la revisione dell’articolo è richiesta con attenzione per i dettagli.

Generare l’idea dell’articolo

Gli articoli pubblicati rappresentano una spinta per gli avvocati che vogliono aumentare la loro notorietà presso i clienti che hanno scelto. Anche se la carta stampata ha perso parte del suo appeal, quotidiani e periodici continuano a svolgere un ruolo importante per fare conoscere i professionisti.

Come prima cosa va scelta la testata su cui scrivere. Per la sua selezione si deve partire dalla scelta dei clienti che si vogliono avere e quindi analizzare i lettori del quotidiano o periodico per il quale scrivere. In un secondo tempo vanno analizzati i temi trattati e pubblicati dalla rivista. L’analisi va condotta sugli ultimi 3-4 numeri pubblicati. Scelta la rivista va prestata attenzione al colophon, dove sono riportati i nomi di coloro che fanno parte della redazione, per cercare il nome e le informazioni di contatto per l’area di interesse. I passi successivi sono:

  • Guardate i titoli utilizzati e gli inizi degli articoli: sono vaghi o specifici, contengono citazioni o annotazioni.
  • Per la scelta dell’argomento, considerate i temi di attualità ma anche le conversazioni avute con colleghi, amici o altri professionisti. In ogni caso l’articolo non deve riguardare problemi globali, ma aspetti particolari che possono essere trattati in un articolo di 2-3 pagine, comprese le eventuali immagini. Di norma le riviste riservano ai collaboratori esterni un certo spazio, espresso in numero di parole o di caratteri compresi gli spazi. I programmi di scrittura contengono una specifica funzione per il loro calcolo. Per decidere i temi da trattare è di aiuto anche l’analisi di quanto pubblicato da altri autori e gli argomenti trattati nei social media.
  • Il tema dell’articolo non deve essere necessariamente nuovo, in alcuni casi la novità o l’interesse possono nascere da un nuovo approccio all’argomento trattato.

Creare l’articolo

  • Suggerisco di fare alcune ricerche online sul tema scelto prima di mettersi a scrivere. Risulteranno utili al momento di costruire la mappa mentale, che è una forma di rappresentazione grafica del pensiero teorizzata da Tony Buzan.  
  • Il titolo dell’articolo deve definire il tema e agganciare i lettori mentre il testo deve offrire una soluzione.
  • Ricordo che le regole fondamentali dello scrivere sono poche: frasi brevi, evitare i verbi passivi e il discorso indiretto, i termini tecnici vanno sostituiti con frasi semplici e comprensibili perché i lettori non sono esperti del diritto ma potenziali clienti e non suoi colleghi.

Revisione dell’articolo

Terminato l’articolo, lasciate decantare il testo e, solo dopo un giorno, riprendetelo in mano per rileggerlo e migliorarlo. Fate leggere l’articolo anche agli amici, fornendo loro pochissime informazioni. Ascoltate e raccogliete le loro osservazioni, anche le eventuali critiche severe. Rivedete l’articolo e inviatelo al redattore con il quale siete in contatto. Siate aperti ai suggerimenti del redattore per migliorare l’articolo con lo scopo di ottenere più lettori.

—————————————

(Leggi anche Ottenere visibilità per fare crescere lo studio)

Circa Vladimiro Barocco

Vladimiro Barocco
Vladimiro Barocco, CMC (Certified Management Consultant, socio APCO n.ro 1994/2088), partner di Studio Centro Marketing. È anche autore di Marketing per l'avvocato e lo studio legale, ed. Franco Angeli. Può essere contattato a info@vladimirobarocco.it e seguito su twitter. www.vladimirobarocco.it

Leggi Anche

Ottenere visibilità per fare crescere lo studio legale

I professionisti spesso sono divisi tra lavorare duro e lavorare in modo intelligente per fare …

Lascia un commento