Home / Amministrativo / Tassa rifiuti: quando non pagare e come chiedere il rimborso al Comune

Tassa rifiuti: quando non pagare e come chiedere il rimborso al Comune

Contributo dell’Avvocato Giorgio Mangiaracina, del Foro di Milano.

 

La TARI è spesso richiesta anche quando non è dovuta. Ecco come verificare se si è pagato in eccesso, ottenendo il rimborso anche per gli anni passati (art. 1, comma 639 e seguenti, L. 27 dicembre 2013, n. 147).

1. La Tari: in sintesi.
La TARI è dovuta da chiunque possieda immobili nei quali possono essere prodotti rifiuti e si compone di due parti:

  • la parte fissa, calcolata in base alla superficie dell’immobile (in €/mq),
  • la parte variabile, calcolata in base al numero degli occupanti per le abitazioni (“utenze domestiche”), e alla potenziale produzioni di rifiuti (kg/mq) per le imprese (“utenze non domestiche”).

2. Utenze non domestiche: in quali casi la TARI non è dovuta
Per le imprese, la parte variabile della TARI è calcolata in base alla produzione di rifiuti potenziale, espressa in kg/mq a seconda del tipo di attività (D.P.R. 27 aprile 1999 n. 158). Tuttavia, se lo smaltimento rifiuti è gestito in proprio, oppure la produzione effettiva di rifiuti è differente da quella potenziale, la TARI non è dovuta.

3. Utenze domestiche: il calcolo corretto e quello errato della parte variabile
La parte variabile della tassa deve essere applicata una sola volta per ogni utenza, come indicato anche di recente dal Ministero Economia e Finanze. Diverse amministrazioni locali, tra le quali l’esempio più noto è il Comune di Milano, la applicano invece più volte per la stessa utenza.

4. Come verificare se si è pagato in eccesso, ottenendo il rimborso anche per gli anni passati.
Per tutte le utenze, domestiche e non domestiche, occorre verificare anzitutto l’avviso di pagamento predisposto dal Comune; poi il Regolamento Comunale TARI/IUC, e il Piano Finanziario relativo al servizio di raccolta e smaltimento rifiuti del singolo Comune, generalmente reperibili via internet. Una volta riscontrata l’eventuale irregolarità, per le utenze non domestiche sarà opportuno anzitutto presentare una nuova denuncia TARI aggiornata, con effetto per gli anni successivi. Poi, per le annualità passate e per quella in corso potrà essere chiesto il rimborso di quanto versato in eccesso. La procedura di rimborso è la medesima per tutte le utenze: istanza di rimborso al Comune, allegando tutti i documenti a fondamento della richiesta.

Il Comune ha di regola 180 giorni di tempo per rispondere. In taluni casi, per ottenere il rimborso potrebbe essere necessario proporre ricorso in Commissione Tributaria.  Tuttavia in genere, il Comune eroga il rimborso o propone una compensazione con i pagamenti previsti per l’annualità successiva.

avv. Giorgio Mangiaracina

Circa Staff

Staff

Redazione

Leggi Anche

Corte di Cassazione: sentenza n. 14929 del 08/06/2018, sez. Tributaria

Materia – Impugnazioni Civili Presidente – B. Virgilio Relatore – A.M. Perrino «La Sez. Tributaria ha precisato che …

Lascia un commento