Home / Civile / Validità della domanda di arricchimento senza causa per l’adempimento contrattuale

Validità della domanda di arricchimento senza causa per l’adempimento contrattuale

Corte di Cassazione: sentenza n. 22404 del 13/09/2018, Sezioni Unite Civili

Materia – Processo civile
Presidente – R. Rordorf
Relatore – A. Scrima

«Le Sezioni Unite a risoluzione di contrasto, hanno affermato che è ammissibile la domanda di arricchimento senza causa, proposta in via subordinata con la prima memoria ai sensi dell’art. 183, comma 6, c.p.c., nel corso del processo introdotto con domanda di adempimento contrattuale, qualora si riferisca alla stessa vicenda sostanziale dedotta in giudizio, trattandosi di domanda comunque connessa (per incompatibilità) a quella inizialmente formulata.»

Leggi il testo integrale

Circa Staff

Staff

Redazione

Leggi Anche

Corte costituzionale: accolto il ricorso su polizia giudiziaria e informative di reato

È stato accolto il ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato presentato dal …

Lascia un commento