Home / Lavoro e previdenza / Whistleblowing: rischio di sfoghi personali

Whistleblowing: rischio di sfoghi personali

È ora di tirare un po’ le somme per quanto riguarda l’istituto normativo che riguarda il whistleblower, ovvero il lavoratore che denuncia il proprio datore di lavoro quando vede leso un diritto legato alla sua persona in ambito lavorativo o quando si riscontrano illeciti civili, penali o amministrativi.
I numeri di chi ha optato per tale misura è in costante aumento: erano 3 nel 2014, 364 del 2017 e sono già arrivati a 334 nei primi mesi di quest’anno. Tuttavia, c’è un problema: tale pratica può essere facilmente influenzata dal bisogno di dar sfogo a disagi personali. Una cosa non da poco.

«Dovremo discernere le segnalazioni vere da quelle che spesso sono strumentali ad altri fini» ha commentato Raffale Cantone, presidente di Anac, mentre presentava il terzo rapporto annuale sul whistleblowing. Una sfida non da poco, quella che si propone l’Anac, ma che garantirà al dipendente di operare nell’interesse dell’integrità dell’amministrazione.

I dati presentati evidenziano che in un totale di 40 amministrazioni pubbliche, solo all’interno di 37 di queste si è risposto al questionario. La maggior parte delle segnalazioni proviene dal Sud Italia (42.81%), mentre dal Nord Italia il 32,34% e dal Centro il 21,86%.
Sono state registrate dieci condotte irregolari al Ministero dell’Economia e delle Finanze, 56 all’Agenzia delle Entrate e 19 al Comune di Milano. In seguito molte amministrazioni hanno dovuto rivedere alcuni aspetti dell’organizzazione interna, come successo a Roma, Milano e Napoli.

Un’interessante campo di applicazione della norma dedicata ai whistleblower è quello privato. In questo senso, come si legge sulla circolare 16/2018 distribuita da Assonime, «ben si comprende la scelta di estendere il whistleblowing alle imprese ed enti di diritto privato» visto il principio di responsabilità amministrativa già previsto dal dlgs 232/01 (il cui art. 6 viene già modificato nella parte in cui sono presenti i requisiti e i modelli organizzativi idonei).

 

Fonte: IlSole24Ore

Circa Staff

Staff

Redazione

Leggi Anche

Corte UE: le ferie non godute sono trasmissibili agli eredi

Il diritto del lavoratore a un’indennità per ferie non godute può essere trasferito agli eredi …

Lascia un commento